Gerusalemme – tante diverse città in una sola

Me lo ricordo ancora quel giorno… Ero in vacanza in Giordania, solo a pochi km da Gerusalemme e per me prendere un pullman e andare qualche giorno in Israele sembrava cosa facile! E’ stato un susseguirsi lentissimo di controlli doganali, domande, soprattutto in ingresso, sul perché della mia visita; fino al fatidico rilascio del visto… visto israele

Una volta a Gerusalemme è stato amore a prima vista!

Non lasciatevi intimorire dai militari, giovanissimi, di ambo i sessi, che girano a gruppi inforcando un mitra gigante! Io ho girato  la città per giorni senza sentirmi mai in pericolo!

Lasciatemi dire WOW… Cosa potrei dire altrimenti! Questo è stato uno dei primi scenari che ho avuto davanti agli occhi! viaggi Gerusalemme muro del pianto moschee

Una vista panoramica che si apre contemporaneamente sul muro del pianto e sulla spianata delle moschee.

E già si inizia a capire che in questa città convivono, “chiuse” nei loro quartieri, culture e religioni molto diverse fra loro… In realtà sono 4 le comunità religiose di Gerusalemme: ebraica, musulmana, cristiana e armena! Questo potrà subito farvi intuire cosa la renda così preziosa… Gerusalemme sono tante città in una!

Ho attraversato il souk, ho ammirato il muro del pianto e gli ebrei durante la preghiera, ho sfiorato il sacro sepolcro di Gesù, mi sono coperta il capo nelle moschee… muro del pianto viaggi gerusalemmesacro sepolcro di gesùIl tutto sotto lo stesso cielo di Gerusalemme! Da restare davvero senza parole!

Il primo giorno, passeggiando nel “souk”  non mi sono quasi resa conto mentre passavo da un quartiere all’altro! Mi sono ritrovata a camminare sui tetti di Gerusalemme nel quartiere ebraico, a comprare il pane arabo ancora caldo, a rimanere incantata, alla fine di un lungo ponte di legno, difronte ai mosaici azzurri della Cupola della Roccia! E poi vicoli, stradine e meraviglie, gente… Tanta gente, una città così viva, come un fiume in piena!

Poi, appena scende il tramonto, tutto cambia, tornando indietro sempre attraverso il souk, ho notato che quei vicoli, che portavano nel quartiere ebraico, erano chiusi da cancellate di ferro. Questo devo dirvi che mi ha fatto un po’ impressione. La luce va via, le botteghe del souk chiudono, le donne che vendevano frutta e verdura si ritirano nelle loro case e la città sembra come addormentata senza però perdere il suo fascino!

Ma è solo una pausa, la mattina dopo è di nuovo vita!Ho assaggiato dolci paradisiaci, mangiato kofta, fatto merenda con quintali di frutta secca… Sentito profumi di menta e spezie che difficilmente dimenticherò!Sono rimasta, non so neanche per quanto tempo, in contemplazione delle migliaia di tombe ebraiche che scendono lungo il Monte degli Ulivi. Sono salita sul Monte Sion, ho visitato il Cenacolo, mi sono inginocchiata sul sacro sepolcro di Gesù… E’ stato davvero un susseguirsi di forti emozioni!Colori, facce, lingue, profumi, emozioni e scenari tra loro così differenti ma tutti mozzafiato! Una città che non vedo l’ora di rivedere e che mi ha arricchita!

Lascio che siano i miei scatti a parlare per me e a sfogliare le pagine dei miei ricordi.

Uno dei miei ricordi preferiti?

Quando perdendomi tra i vicoli mi sono ritrovata a camminare sui tetti del quartiere ebraico, a guardare la città dall’alto e poi riscendere per scorciatoie che passavano, letteralmente, dentro casa della gente! Ecco questa è l’avventura, un po’ speciale, che ricordo col sorriso sul cuore!

Grazie per avermi seguita in questa avventura… Se vi è piaciuto viaggiare con me QUI trovate tante altre mie destinazioni, non vi resta che scegliere e partire con me!

 

 

 

www.pdf24.org    Send article as PDF   

Salva & stampa

Send article as PDF

Iscriviti alla Newsletter

Be LADdicted, iscriviti alla newsletter per ricevere sempre gli aggiornamenti!!!

Articoli recenti

Categorie

2 Comments

  1. gennaio 13
    Reply

    Io ho un conto in sospeso con Gerusalemme (e Tel Aviv) nel senso che un paio di anni fa avevo prenotato tutto: volo, alberghi, e avevo già anche visto un paio di posti dove mi sarebbe piaciuto mangiare. E invece niente, non siamo partiti. Da allora quando leggo un articolo che parla di questa città mi vengono gli occhi cuore. Ma è solo questione di tempo, prima o poi…

    • Laura Conforti
      gennaio 13
      Reply

      Siiii deviiii! A me è piaciuta tantissimo tel aviv ancora non sono stata perché venivo da una vacanza in Giordania ed avevo finito le ferieeee! Prossima volta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *