@ladfoodie nella giuria tecnica del contest culinario WINCHEF

TRATTO DA UNA STORIA VERA: “Quando una passione ti porta tante emozioni!”, eccomi nella giuria tecnica del contest culinario di Sisal Wincity WINCHEF

Da quando ho aperto il BLOG e il mio account foodie @ladfoodie ne sono capitate tante. Passo dopo passo un crescendo di emozioni ed esperienze che non potevo immaginare. Ho sempre messo il cuore in tutto quello che ho fatto, sono stata positiva e solare… SONO STATA ME STESSA e vi devo dire che con costanza e determinazione le cose belle arrivano!

E così è arrivata anche la proposta di prender parte alla giuria tecnica della tappa romana del contest WINCHEF!

giuria tecnica contest winchef a Roma

 A contendersi il titolo per la finale milanese di WINCHEF: tre chef “laziali” che hanno interpretato a modo loro i piatti della tradizione romana.

Oltre alla giuria tecnica, a decretare il vincitore, un presidente di giuria, lo chef Angelo Troiani e una giuria popolare.

Ore 20:00 si accendono i riflettori e si scaldano le piastre ad induzione… Il pubblico viene accolto da un ricco buffet e da bollicine per riscaldare gli animi!

Il primo a scendere in campo, sorridente e carico, è proprio il presidente di giuria, lo chef Troiani.

Io e le mie colleghe, Sara de Bellis – direttrice di Excellence Magazine – e Fedora d’Orazio foodblogger – cappuccinoecornetto.com – prendiamo posto al tavolo della giuria tecnica, di fronte a noi la giuria popolare.QUARTA TAPPA DEL CONTEST CULINARIO WINCHEF Roma - la giuria tecnica

Ed ecco arrivare i protagonisti in gara nelle loro alte uniformi:

Andrea Dolciotti del ristorante “Pigneto 1870” con “la carbonara”,
Davide Del Duca de “Osteria Fernanda” con “il pollo con i peperoni”
Antonio Gentile del ristorante “Red Fish” con “ravioli con ripieno di pollo e peperoni”
Andrea Dolciotti carbonara
Antonio Gentile ravioli ripieni pollo e peperoniDavide Del Duca pollo con i peperoni rivisitato

3, 2, 1 via, lo chef Troiani dichiara ufficialmente iniziata la sfida, 40 minuti per interpretare due ricette della tradizione romana: “carbonara” e “pollo con i peperoni”.

A noi il duro compito poi di assaggiare i loro piatti… 5 i parametri per la valutazione: GUSTO – INNOVAZIONE- RIPRODUCIBILITA’ – FOOD COST e SALUBRITA’.

Nel frattempo, mentre le padelle si scaldano e iniziano a danzare, lo chef Troiani ci delizia il palato con la sua “trippa di rana pescatrice”… Ve lo devo dire? Superb!!! Un profumo di menta, e quel sughetto… Avessi avuto un po’ di pane avrei di certo concluso in bellezza con la scarpetta!trippa di rana pescatrice chef angelo troiani

Ed eccoci al primo assaggio…

I ravioli ripieni di pollo su un letto di salsa ai peperoni dello Chef Antonio Gentile… Pasta stesa in modo impeccabile, sottilissima, non si sente neanche lo spessore delle giunzioni per chiudere il raviolo, ripieno saporito e nella giusta dose, ne ho infilzato uno e gli ho fatto fare qualche giravolta nella salsa ai peperoni… Poi l’assaggio chiudendo gli occhi, si era pollo con i peperoni in una veste moderna! Lo chef non era andato fuori strada! Il totale della mia valutazione… 32!

raviolo pollo e peperoni chef Antonio GentileAvanti il prossimo…

Tocca allo Chef Andrea Dolciotti e alla sua carbonara con uovo pastorizzato e bianco d’uovo, parzialmente montato a neve, aggiunto alla fine. Il Guanciale ha persino fatto scattare l’allarme antincendio, secondo me qualcuno ha provato a farci evacuare per mangiarsela da solo! Non ci siamo mossi minimamente, allarme rientrato eravamo già con l’acquolina in bocca, l’odore della carbonara, inconfondibile, LEI! Era decisamente “TANTA”, non solo come porzione, intendo proprio tanta roba! Buona, ma carica! Secondo il mio gusto circa 2 rossi d’uovo per 100 g di pasta si sentivano troppo. Guanciale delizioso e croccante al punto giusto, ma nel complesso il piatto peccava in quanto a salubrità! Voto: 30!Chef Andre Dolciotti carbonara

Last but not least…

E’ il turno dello Chef Davide Del Duca, anche lui pollo con i peperoni, questa volta resta fedele al secondo piatto ma esalta la ricetta della tradizione con tocchi da maestro! Quel fegatino di pollo avvolto in uno strato sottilissimo di glassa di peperoni essicata al forno è decisamente la marcia in più! Il mio voto complessivo: 30! Il parametro riproducibilità di questo piatto  ha abbassato la mia valutazione complessiva, secondo me tra i tre piatti realizzati è quello meno facilmente riproducibile.pollo con i peperoni Chef Davide Del Duca

Come avrete capito, per me il vincitore è Antonio Gentile, in disaccordo con le mie colleghe giurate che avevano preferito Davide Del Duca.

I risultati finali sono stati questi:

vincitore della giuria popolare: Davide Del Duca, che ha ricevuto in premio un assegno da 500,00 €

vincitore della giuria tecnica: Antonio Gentile; anche per lui assegno di 500,00 €

vincitore della sfida e finalista per l’ultima tappa a Milano: Antonio Gentile, altro assegno questa volta di 1000,00 €

Quindi, rulli di tamburi… per la tappa romana del contest WINCHEF…THE WINNER IS… lo Chef Antonio Gentileeeee!

Non a caso gli avevo dato il voto maggiore! Bravo, innovazione, gusto, salubrità, riproducibilità e food cost, c’era tutto!!!

Bellissima serata, bravi i professionisti in gara, showman lo Chef Troiani… Altra fantastica esperienza da aggiungere nel mio curriculum foodie!

Fiera ed orgogliosa di aver dato il mio contributo per mandare un rappresentante della mia regione in finale!

PDF24    Send article as PDF   

Salva & stampa

Send article as PDF

Iscriviti alla Newsletter

Be LADdicted, iscriviti alla newsletter per ricevere sempre gli aggiornamenti!!!

Articoli recenti

Categorie

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *